.
Annunci online

  luigicurci [ SE CON L'ORO HANNO COMPRATO LA MIA CASA E LA MIA TERRA,LA MIA LIBERTA' SI PAGA CON IL SANGUE ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


VENTOLA PRESIDENTE DELLA BAT
Blocco IDENTITARIO
Nuova Italia Barletta
La web-TV di Nuova Italia BAT
NO DROGA
Caffè Nero
AG BARLETTA
Forum Idea Giovani
Alleanza Nazionale
Destra Sociale
Fondazione Nuova Italia
Azione Giovani
Azione Universitaria
Azione Studentesca
UGL
UGL Barletta
AZIONEfUtUrIsTa
AG Federazione Barletta-Andria-Trani
SAPPE
Fare Sicurezza
Fare Verde
La Destra - rivista sul web
L'ora della verità
Rock per la verità
Musica alternativa
Casa Pound
Cuori neri
10 febbraio
Posizione
Il Tricolore
Identità europea
L'Italiano
No Reporter
Family Pride
A destra del Giulivo
Il Giulivo -sito di satira
Barlettiamo
Barletta on line
Gianni ALEMANNO
Marcello DE ANGELIS
Alfredo MANTOVANO
Carlo FIDANZA
Roberto TUNDO
Paola FRASSINETTI
Barbara SALTAMARTINI
Oronzo CILLI
Simone SPIGA
Daniele CAROLEO
Beniamino SCARFONE
Alessandro AMORESE
Michela DANZI
Francesco SALLUSTIO
Daniele MAODDI
Federico MORETTI
Ulderico DE LAURENTIIS
Ardito
Angelo Raffaele MASTROPIERRO
Marco LATTANZIO
Claudio STELLA
Ruggiero GENTILE
Gioacchino MONTERISI
Roberto ALFATTI APPETITI
Giuseppe CALOGIURI
Anna GUARDASCIONE
Marco MILANESE
Ileana
Orpheus
VOLO
Pasquale RICCIO
Leo RICATTI
Dario DAMIANI
L'osservatore di Romano
A destra
Umberto DESIMONE
Ignazio CONI
AG Barletta
Azione Studentesca Barletta
AG Canosa di Puglia
AG Bisceglie
AN Mola di Bari
AG Acerra
AG Recale
AG Terra di mezzo Crotone
AG Giaveno
AG Brindisi
AG Roma Est
AG Firenze
AG Reggio Calabria
AG Polistena
AG Varese
AG Busto Arsizio
QENILDOR - Blog sull'Irlanda
Sardegna non conforme
Giù le mani dal gladio
BOLOGNA BUG
PZF451
Il Cammino Neocatecumenale
Info Cammino Neocatecumenale
Catechumenium
don Francesco FRUSCIO
ASD Barletta
Juventus F.C.
Drughi
Alessandro DEL PIERO
Libero
Corriere della Sera
Gazzetta del Mezzogiorno
Il Giornale
Ansa
Il Tempo
Michele GARRINELLA
Super Manu
Dario DIMASTROMATTEO
Blog Italia
Folklore barlettano

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


6 aprile 2009

Una tragedia!

 

In questi momenti si può solo pregare per le vittime e i loro parenti!

Il comunicato del Centro Nazionale Terremoti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia:

 

La Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha registrato un terremoto di Magnitudo 5.8 (Magnitudo Richter) (6.2 Mw=magnitudo momento) nella zona dell’Aquilano, il 6 Aprile 2009 alle 3:32 (ora italiana). Le coordinate epicentrali risultano: Lat. 42.33N e Long. 13.33E. La profondità dell’ipocentro è pari a 8.8 km. Il terremoto è caratterizzato da un meccanismo di tipo estensionale, con piani di faglia orientati NW-SE e direzione di estensione NE-SW (anti-appenninica).
La scossa è stata seguita da decine di repliche,  la più forte delle quali è avvenuta alle 4:37 italiane con magnitudo pari a 4.6. Tutte queste scosse sono avvenute a profondità crostali (entro i 10-12 km), tipiche dei terremoti dell’Appennino. Questa circostanza determina un forte risentimento dello scuotimento in area epicentrale. Tutte le stazioni della Rete Sismica Nazionale dell’INGV hanno rilevato chiaramente le onde sismiche generate dalla scossa principale.
Sul sito dell’INGV(alla voce Terremoti Recenti) vengono riportate tutte le informazioni sull’evento sismico e sul suo inquadramento nel contesto della sismicità precedente e della classificazione sismica del territorio.
La zona è stata oggetto di una sismicità frequente con caratteristiche di sciame sismico a partire dal mese di gennaio 2009, con centinaia di scosse tutte di modesta entità, fino all’evento di magnitudo 4.0 avvenuto il 30 marzo scorso.
Si sottolinea la circostanza secondo la quale, allo stato attuale delle conoscenze, non è possibile realizzare una previsione deterministica dei terremoti (previsione della localizzazione, dell’istante e della forza dell’evento). Ciò è vero anche in presenza di fenomeni quali sequenze o sciami sismici che nella maggior parte dei casi si verificano senza portare al verificarsi di un forte evento.  Una scossa quale quella che si è manifestata oggi viene normalmente seguita da numerose repliche, alcune delle quali probabilmente assai sensibili.La zona in oggetto è stata sede in passato di forti terremoti. In particolare, l’attività di questi giorni si colloca tra la terminazione meridionale della faglia che si è attivata nel terremoto del 1703 (Int. MCS del X grado MCS, pari a Magnitudo circa 6.7) e i limiti settentrionali della faglia associata nei cataloghi al terremoto del 1349 e di quella denominata “Ovindoli-Piani di Pezza”. Si ricorda che i comuni interessati ricadono tra la prima e la seconda categoria della classificazione sismica del territorio nazionale. Negli ultimi anni la zona non è stata interessata da forti terremoti. Subito dopo il manifestarsi dell’evento l’Istituto si è mobilitato inviando nell’area colpita le sue strutture di emergenza quali la rete mobile e altre squadre di rilevatori.

Nota sulla magnitudo: la magnitudo usata di routine per stimare la grandezza di un terremoto è la cosiddetta Magnitudo Richter o Magnitudo Locale (Ml), che viene calcolata sull’ampiezza massima della registrazione sismica di un sismografo standard (a corto periodo). Viceversa la Magnitudo Momento (Mw) viene elaborata attraverso un trattamento numerico dell’inte

La Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha registrato un terremoto di Magnitudo 5.8 (Magnitudo Richter) (6.2 Mw=magnitudo momento) nella zona dell’Aquilano, il 6 Aprile 2009 alle 3:32 (ora italiana). Le coordinate epicentrali risultano: Lat. 42.33N e Long. 13.33E. La profondità dell’ipocentro è pari a 8.8 km. Il terremoto è caratterizzato da un meccanismo di tipo estensionale, con piani di faglia orientati NW-SE e direzione di estensione NE-SW (anti-appenninica).
La scossa è stata seguita da decine di repliche,  la più forte delle quali è avvenuta alle 4:37 italiane con magnitudo pari a 4.6. Tutte queste scosse sono avvenute a profondità crostali (entro i 10-12 km), tipiche dei terremoti dell’Appennino. Questa circostanza determina un forte risentimento dello scuotimento in area epicentrale. Tutte le stazioni della Rete Sismica Nazionale dell’INGV hanno rilevato chiaramente le onde sismiche generate dalla scossa principale.
Sul sito dell’INGV(alla voce Terremoti Recenti) vengono riportate tutte le informazioni sull’evento sismico e sul suo inquadramento nel contesto della sismicità precedente e della classificazione sismica del territorio.
La zona è stata oggetto di una sismicità frequente con caratteristiche di sciame sismico a partire dal mese di gennaio 2009, con centinaia di scosse tutte di modesta entità, fino all’evento di magnitudo 4.0 avvenuto il 30 marzo scorso.
Si sottolinea la circostanza secondo la quale, allo stato attuale delle conoscenze, non è possibile realizzare una previsione deterministica dei terremoti (previsione della localizzazione, dell’istante e della forza dell’evento). Ciò è vero anche in presenza di fenomeni quali sequenze o sciami sismici che nella maggior parte dei casi si verificano senza portare al verificarsi di un forte evento.  Una scossa quale quella che si è manifestata oggi viene normalmente seguita da numerose repliche, alcune delle quali probabilmente assai sensibili.La zona in oggetto è stata sede in passato di forti terremoti. In particolare, l’attività di questi giorni si colloca tra la terminazione meridionale della faglia che si è attivata nel terremoto del 1703 (Int. MCS del X grado MCS, pari a Magnitudo circa 6.7) e i limiti settentrionali della faglia associata nei cataloghi al terremoto del 1349 e di quella denominata “Ovindoli-Piani di Pezza”. Si ricorda che i comuni interessati ricadono tra la prima e la seconda categoria della classificazione sismica del territorio nazionale. Negli ultimi anni la zona non è stata interessata da forti terremoti. Subito dopo il manifestarsi dell’evento l’Istituto si è mobilitato inviando nell’area colpita le sue strutture di emergenza quali la rete mobile e altre squadre di rilevatori.

Nota sulla magnitudo: la magnitudo usata di routine per stimare la grandezza di un terremoto è la cosiddetta Magnitudo Richter o Magnitudo Locale (Ml), che viene calcolata sull’ampiezza massima della registrazione sismica di un sismografo standard (a corto periodo). Viceversa la Magnitudo Momento (Mw) viene elaborata attraverso un trattamento numerico dell’intero segnale sismico su tutte le frequenze evidenziate dalla registrazione. Per terremoti forti la Mw viene ritenuta una stima più accurata della severità dell’evento

ro segnale sismico su tutte le frequenze evidenziate dalla registrazione. Per terremoti forti la Mw viene ritenuta una stima più accurata della severità dell’evento




permalink | inviato da luigi curci il 6/4/2009 alle 11:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo        maggio

 

Francesco Ventola Presidente - L'uomo della provincia

   FRANCESCO VENTOLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA BARLETTA - ANDRIA - TRANI

  


Profilo Facebook di Luigi Curci 

MI PRESENTO::
Sono Luigi,ho 27 anni,sono barlettano,
laureando in giurisprudenza presso l'Università degli studi di
Bari.Dopo aver fatto politica
a livello studentesco,ho
aderito ad AZIONE GIOVANI nel settembre 2000
divenendone immediatamente un attivo militante;dopo
 poco mi sono iscritto ad ALLEANZA NAZIONALE.Nel
maggio 2002 mi sono candidato alle elezioni per il
rinnovo del Consiglio di Circoscrizione (Circ.
Borgovilla-Patalini) venendo eletto con 163 preferenze
(primo della lista) e ricevendo dalla Segreteria di Partito
la nomina di capogruppo(mandato decaduto nel maggio 2006).
Dal novembre 2005 sono dirigente provinciale di Azione
Giovani con incarico al Dipartimento Cultura.Dal gennaio
2006 Presidente cittadino di AREA.
Dal dicembre 2006 Vicepresidente del Circolo Territoriale
di AN Barletta "X medaglie d'oro".
Dal settembre 2007 Commissario del Circolo Territoriale
di AG Barletta "Corrado Cardone".


   
   
Posta elettronica e contatto MSN:
luigicurci@fastwebnet.it


PROSSIMI APPUNTAMENTI:



 








 






Campagna anti troll


  





5 per mille

http://www.fondazionenuovaitalia.org/lafondazione/5x1000.php



 Una veduta di Via dei Fori Imperiali invasa dai manifestanti - Foto di Enrico Para



Azione Giovani per Barletta:filmato di denuncia sul degrado della nostra città
                


     

 

 

 

                foto:
(manifestazione a Roma del 2 dicembre 2006)

 

     




con Alemanno dopo l'inaugurazione della campagna elettorale a Barletta per le Politiche 2008



con Mantovano dopo un convegno a Barletta 








   
     

SU BOLOGNA VOGLIAMO
LA VERITA'.CIAVARDINI INNOCENTE!
http://altaforte33.altervista.org/


 


Fare Verde


                  

       
           FONDAZIONE NUOVA ITALIA


tit1


 



 (momenti di politica e militanza della Destra Sociale Barlettana)

 

            

 

 





(manifestazione a Roma del 13 ottobre 2007):





(manifestazione a Bari del 19 gennaio 2008)





 



 




 



                                                             
    
Googleilcannocchiale                                                                   

La rivista della Destra Sociale:

abbonamenti