.
Annunci online

  luigicurci [ SE CON L'ORO HANNO COMPRATO LA MIA CASA E LA MIA TERRA,LA MIA LIBERTA' SI PAGA CON IL SANGUE ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


VENTOLA PRESIDENTE DELLA BAT
Blocco IDENTITARIO
Nuova Italia Barletta
La web-TV di Nuova Italia BAT
NO DROGA
Caffè Nero
AG BARLETTA
Forum Idea Giovani
Alleanza Nazionale
Destra Sociale
Fondazione Nuova Italia
Azione Giovani
Azione Universitaria
Azione Studentesca
UGL
UGL Barletta
AZIONEfUtUrIsTa
AG Federazione Barletta-Andria-Trani
SAPPE
Fare Sicurezza
Fare Verde
La Destra - rivista sul web
L'ora della verità
Rock per la verità
Musica alternativa
Casa Pound
Cuori neri
10 febbraio
Posizione
Il Tricolore
Identità europea
L'Italiano
No Reporter
Family Pride
A destra del Giulivo
Il Giulivo -sito di satira
Barlettiamo
Barletta on line
Gianni ALEMANNO
Marcello DE ANGELIS
Alfredo MANTOVANO
Carlo FIDANZA
Roberto TUNDO
Paola FRASSINETTI
Barbara SALTAMARTINI
Oronzo CILLI
Simone SPIGA
Daniele CAROLEO
Beniamino SCARFONE
Alessandro AMORESE
Michela DANZI
Francesco SALLUSTIO
Daniele MAODDI
Federico MORETTI
Ulderico DE LAURENTIIS
Ardito
Angelo Raffaele MASTROPIERRO
Marco LATTANZIO
Claudio STELLA
Ruggiero GENTILE
Gioacchino MONTERISI
Roberto ALFATTI APPETITI
Giuseppe CALOGIURI
Anna GUARDASCIONE
Marco MILANESE
Ileana
Orpheus
VOLO
Pasquale RICCIO
Leo RICATTI
Dario DAMIANI
L'osservatore di Romano
A destra
Umberto DESIMONE
Ignazio CONI
AG Barletta
Azione Studentesca Barletta
AG Canosa di Puglia
AG Bisceglie
AN Mola di Bari
AG Acerra
AG Recale
AG Terra di mezzo Crotone
AG Giaveno
AG Brindisi
AG Roma Est
AG Firenze
AG Reggio Calabria
AG Polistena
AG Varese
AG Busto Arsizio
QENILDOR - Blog sull'Irlanda
Sardegna non conforme
Giù le mani dal gladio
BOLOGNA BUG
PZF451
Il Cammino Neocatecumenale
Info Cammino Neocatecumenale
Catechumenium
don Francesco FRUSCIO
ASD Barletta
Juventus F.C.
Drughi
Alessandro DEL PIERO
Libero
Corriere della Sera
Gazzetta del Mezzogiorno
Il Giornale
Ansa
Il Tempo
Michele GARRINELLA
Super Manu
Dario DIMASTROMATTEO
Blog Italia
Folklore barlettano

cerca
letto 546489 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


14 dicembre 2009

E' un dovere ricominciare!

 La mancanza di tempo mi aveva portato alla decisione di abbandonare questo blog. Il volto insanguinato del Presidente del Consiglio, le dichiarazioni di ieri di Di Pietro, e soprattutto lo sconcertante giubilo di alcuni pseudo-italiani su facebook e sul web in genere, sono motivi per tornare ad utilizzare il blog come strumento dell'attività politica. Insomma, ne vale la pena trovare un ritaglio di tempo per tornare a scrivere! 

Questo blog è stato in passato luogo della testimonianza  dell'anti-berlusconismo, quasi sempre celata sotto nomi di fantasia, fatta di aggressione a prescindere e sostenuta solo dall'odio...tutti quegli elementi che hanno portato al tragico epilogo di ieri.
Sarà vero che il Tartaglia è uno psicopatico...ma è certamente vero anche che se Repubblica, Annozero, l'Italia dei Valori, non avessero per mesi bombardato gli italiani di veleno, Tartaglia da psicopatico non avrebbe mai deciso di colpire il Presidente del Consiglio! E tutti gli applausi che ne sono seguiti non sono certamente frutto di malattie mentali.
Nel pomeriggio Berlusconi a Milano, durante uno splendido discorso purtroppo ecclissato dai tragici accadimenti, aveva detto a chi lo contestava "noi non siamo come voi"! Oggi questa frase vale ancora di più. Oggi con maggiore orgoglio gridiamo che non siamo come loro! Da ragazzino, quando iniziavo a fare politica, mi hanno subito insegnato di non andare MAI a contestare un comizio o una qualunque manifestazione organizzata da un avversario politico. Ci sono altri che invece questo costume poco educato e poco democratico non riescono ad abbandonarlo perché è parte integrante della loro "cultura" della politica.
Oggi più che mai, SONO CON BERLUSONI. Oggi più che mai si percepisce la vicinanza degli italiani al Presidente del Consiglio!




permalink | inviato da luigi curci il 14/12/2009 alle 9:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 luglio 2009

Ma dov'è la dignita?

In una lettera del 2 maggio 2008, il Dott. Francesco Salerno annunciava di lasciare il Partito Democratico. Mi colpisce particolarmente rileggere questo passaggio: " Un partito fortemente verticistico, condotto con sistemi di democrazia alla Putin, che valgono a Roma, nella Regione Puglia, nelle province, nelle città e che hanno reso la Puglia del P.D. una Emilianograd e la BAT del P.D. una Lettagrad. Un sistema di potere e di polizia, fatto di promesse e di scambi, di ricatti e di minacce, che non contempla l’esistenza del “diverso parere” , che non ammette “il dissenso” , che di conseguenza, non tutela le “ minoranze ”, perché chi ha i numeri prende tutto."
Da quella lettera è accaduto che il Dott. Francesco Salerno ha presentato una candidatura indipendente alle prime elezioni provinciali alleandosi con l'Udc e perdendo le elezioni dimostrando però di avere un consenso maggiore rispetto al centro-sinistra.
Non mancano le polemiche con il suo ex partito durante la campagna elettorale. Anche l'inizio di Consigliatura è segnato da evidenti fratture tra il PD e Salerno, fratture che emergono sul voto del Presidente del Consiglio da cui certamente non emerge una sintonia politico-strategica anche sul come impostare l'opposizione in Consiglio Provinciale.
Nel frattempo però giunge, come nelle peggiori delle recite, una lettera del leader "Maximo" D'Alema, colui che ha permesso che la Puglia diventasse "Emilianograd", una lettera che di fatto, politicamente, deligittima l'Amministrazione PD del Sindaco Maffei e ripropone un sodalizio con Salerno. Di queste ore la notizia che la tessera di Francesco Salerno del PD potrebbe essere valida e che, se anche il Comitato Regionale di Garanzia non dovesse riscontrare irregolarità (nonostante le eccezioni sollevate da alcuni esponenti barlettani del PD), potrebbe partecipare alle primarie, magari, anzi, sicuramente, da protagonista...e chissà se la decisione del comitato provinciale di convalidare il tesseramento non sia conseguente alle "indicazioni" giunte da D'Alema!
C'è sicuramente curiosità nel sapere cosa pensi ora Salerno di Emilianograd e di Lettagrad e chissà se giungeranno mai risposte. Ci piacerebbe davvero sapere se Salerno vorrà continuare il suo percorso politico dentro o fuori il PD e quale valore bisogna dare a quella tessera sotto esame! Sarebbe bastata una dichiarazione di Salerno del tipo "quella tessera fa parte del passato, oggi non aderisco al PD" per non scomodare la Giunta Regionale di Garanzia, ma il silenzio porta inevitabilmente ad ambiguità!
Ma alla curiosità e agli "enigmi" a cui ci ha abituati Salerno vogliamo contrapporre una certezza, e questa certezza è che il Partito Democratico (non solo locale visto il coinvolgimento di D'Alema) se continua ad inseguire Salerno dopo tutto ciò che è stato detto e fatto prima, durante e dopo la campagna elettorale delle Provinciali, non ha nulla a che fare con la dignità, ovviamente intesa in termini politici, la stessa dignità mancata ai suoi vertici provinciali che invece di analizzare la batosta elettorale si sono solo preoccupati (invano) di richiedere un Assessore a Vendola, la dignità politica mancata al Sindaco di Andria che per l'ennesima volta annuncia dimissioni per poi ritirarle, sempre la stessa dignità politica mancata al Sindaco Maffei che, nonostante si sia visto candidare contro il suo partito parti della sua Giunta e parti della sua maggioranza, continui a non dare spiegazioni ai cittadini di Barletta e soprattutto a non amministrare questa Città sempre più vittima dello sfilacciamento della maggioranza!
E ovviamente dignità politica mancherebbe anche al Dott. Francesco Salerno se tornasse nel tanto osteggiato Partito Democratico.
E' dunque il "Salerno ter" la innovativa proposta politica del Partito Democratico di Barletta? E' un ritorno al Palazzo di Città dell'ex Sindaco l'ambizione del PD? E' così che il PD immagina il futuro di Barletta? C'è dunque un nuovo coinvolgimento di Salerno all'orizzonte? Ebbene, se la risposta a queste domande è "sì" c'è un ulteriore spunto di riflessione politica per i cittadini di Barletta e un motivo in più per chiedersi se è ancora il caso di affidare l'amministrazione della nostra Città al "modello centro-sinistra" ormai fin troppo vecchio e arruginito per guardare al futuro!




permalink | inviato da luigi curci il 30/7/2009 alle 13:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


22 luglio 2009

dalla Gazzetta del Mezzogiorno

 

Plausi e consensi sugli otto assessori


Soddisfazione per il centrodestra di Barletta


MICHELE PIAZZOLLA



   •B A R L E T TA .All’indomani della presentazione della prima giunta provinciale, Francesco Ventola incassa un altro riconoscimento: la nomina a vicepresidente dell’Unione Province Italiane Puglia. «Un segnale di attenzione - ha dichiarato Francesco Schittulli, nuovo presidente dell’Upi Puglia - verso la neonata sesta provincia che ancora non può disporre di una reale autonomia finanziaria e gestionale, oltre che un modo per dare forza e visibilità politica alla Bat e coinvolgerla, da subito, nel dialogo istituzionale con tutti gli altri enti». Intanto, prima di passare alle prime e brevi reazioni sulla nascita del primo esecutivo Bat, è bene ricordare chi sono i consiglieri che subentrano al posto di coloro che sono stati nominati assessori. Sono tre e tutti del Popolo della Libertà. Ad An - tonia Spina, Domenico Campana e Giuseppe Di Marzio subentrano Fedele Lovino di Canosa, Enzo Di Pierro e Pantaleo Mastro giacomo di Bisceglie.
   I primi commenti sulla nuova giunta arrivano da Barletta e cioè dall’unico consigliere provinciale di maggioranza Luigi Antonucci (Lista Ventola): «Ventola ha tenuto in debita considerazione la città di Barletta, nominando due assessori, ricoscoscendo il ruolo politico nell’ambito della coalizione, nonostante la scarsa rappresentanza in consiglio. Siamo soddisfatti e più stimolati a lavorare nell’interesse della città e della provincia».
   Dal centrodestra di Barletta, il commento del consigliere comunale Carlo Dibello (Pdl): «Esprimiamo viva soddisfazione per la designazione dell’amico e collega di partito Darlo Damiani, quale componente del neonato esecutivo provinciale. È un significativo e meritato riconoscimento del lavoro messo in atto negli ultimi anni, culminato in una campagna elettorale condotta all'insegna della compattezza del team dei candidati e della credibilità del messaggio politico. Ventola rafforza la rappresentanza del centrodestra negli organi di governo della Bat a dispetto di quanti hanno ritenuto di scorgere nella sua discesa in campo elementi di frammentazione del bacino elettorale che guarda alle forze politiche della buona amministrazione».
   Per l’Alleanza di Centro, che è rappresentata in giunta dal vicepresidente Nicola Giorgino, interviene Francesco Gorgoglione: «Il momento storico legato alla prima giunta provinciale della Bat vede finalmente protagonista la città di Barletta che tanto ha lottato per la Provincia e per l'elezione di Francesco Ventola. La nomina degli assessori Dario Damiani e Gennaro Cefola dimostra ai barlettani la bontà del progetto politico del centrodestra e la correttezza del presidente Ventola che ha voluto premiare chi ha dato, con la discesa in campo in prima persona, un segno tangibile del proprio lavoro. Il mio invito al centrodestra barlettano è di riunirsi intorno ai nuovi assessori Damiani e Cefola sintesi di impegno e capacità politica».
   Infine, un plauso alla giunta Ventola dal commissario di Azione giovani di Barletta, Luigi Curci: «È a nostro avviso una Giunta che garantirà qualità sia sotto l'aspetto politico che amministrativo. Le scelte fatte interpretano al meglio le necessità sia politiche che territoriali. Al neo presidente e ai suoi assessori in particolare Cefola e Damiani vogliamo rivolgere un buon lavoro. Quanto alla nomina di Dario Damiani emoziona particolarmente Azione giovani di Barletta visto che il suo percorso politico nasce con il Fronte della Gioventù poi in Azione Giovani insieme a noi nel recente passato e nel presente».




permalink | inviato da luigi curci il 22/7/2009 alle 19:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


21 luglio 2009

Comunicato Azione Giovani Barletta

 La Giunta presentata ieri dal primo Presidente della Provincia Barletta - Andria - Trani Francesco Ventola è a nostro avviso una Giunta che garantirà qualità sia sotto l'aspetto politico che amministrativo. Le scelte fatte interpretano al meglio le necessità sia politiche che territoriali. Al neo Presidente e a tutta la sua squadra vogliamo rivolgere un buon lavoro, e lo facciamo particolarmente nei confronti dei due Assessori che rappresenteranno nella Giunta Provinciale la Città di Barletta, e cioè l'Avv. Cefola e il Dott. Damiani.
La nomina di Dario Damiani "emoziona" particolarmente la Comunità politica e militante di Azione Giovani Barletta visto che il suo percorso politico nasce con il Fronte della Gioventù, è continuato in Azione Giovani, ed è stato comune a quello di noi giovani nel recente passato e nel presente.
Il Presidente Ventola, individuando queste due qualificatissime personalità del centro-destra barlettano, ha sicuramente dato un importante riconoscimento alla Città di Barletta e creato le basi per un fruttuoso lavoro amministrativo che di certo rappresenterà un bene per la comunità cittadina.
Ad un incremento elettorale per il centro-destra barlettano si aggiunge anche una importante responsabilità amministrativa, considerando anche l'importanza delle deleghe attribuite ai due neo-assessori, l'ambiente per l'Avv. Cefola e il bilancio e programmazione per il Dott. Damiani.
Buon lavoro e in bocca al lupo.




permalink | inviato da luigi curci il 21/7/2009 alle 17:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


12 luglio 2009

Scusate la lunga assenza!

Par vari motivi non ho potuto aggiornare il blog. Mi scuso con i lettori e gli amici.
Di cose importanti in questo periodo ne sono accadute, vediamo se riusciremo in avvenire a parlarne. 
Torno a scrivere e mi ritrovo a commentare subito la quarta candidatura per le primarie del Partito Democratico.
Dopo le candidature di Franceschini (il fallimentare segretario attuale), Bersani (la maschera di quel D'Alema che non trova MAI il coraggio di candidarsi) e Marino (l'amante dell'eutanasia ma anche l'unico che ha avuto il coraggio di sollevare la questione morale nel PD, e per questo merita un plauso), giunge la "ridicola" candidatura di Beppe Grillo.
Finalmente è stata gettata la maschera. Altro che satira, altro che voce libera. Il comico genovese stabilisce chiaramente da quale parte sta e finalmente viene confermato l'uso da parte della sinistra dello strumento cabaret e di tutto il suo esercito a seguito (che gli riesce sicuramente meglio).
La candidatura di Beppe Grillo è comunque salutata positivamente.
Se accettata si confermerà che il PD è un partito "ridicolo"!
Se rifiutata (e non vedo perchè mai dovrebbe accadere) bisognerà capire perchè l'"estrema" democrazia delle primarie dovrebbe comprimere il diritto di qualcuno a candidarsi.
Vai Beppe, forse saresti l'unico leader capace di far ridere gli italiani più di quanto abbiano già fatto Prodi, Veltroni e Franceschini. Siamo tutti con te!!!




permalink | inviato da luigi curci il 12/7/2009 alle 19:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


9 giugno 2009

Bilancio elezioni amministrative

PROVINCE:

Centrodestra:
Lecco
Lodi
Brescia
Sondrio
Cremona
Monza
Bergamo
Chieti
Teramo
Pescara
Avellino
Napoli
Salerno
Piacenza
Barletta-Andria-Trani
Bari
Verona
Padova
Rovigo
Latina
Macerata
Isernia
Biella
Verbano-Cusio-Ossola
Novara
Cuneo
totale 26



Centrosinistra:
Potenza
Matera
Reggio Emilia
Forlì-Cesena
Modena
Siena
Livorno
Pistoia
Firenze
Pisa
Perugia
Ternu
Pesaro-Urbino
totale 13


COMUNI:

Centrodestra:
Bergamo
Pavia
Teramo
Pescara
Imperia
Campobasso
Biella
Vercelli
Verona
totale 9


Centosinistra:
Reggio Emilia
Bologna
Modena
Livorno
Perugia
Pesaro
totale 6

Clamorosa la vittoria di Piacenza. Ottimo risultato il ballottaggio al comune di Firenze e di Ferrara. Il PD è ormai un partito regionale come la Lega, vince solo nel centro Italia (eccezion fatta della Basilicata). Il PDL e il centrodestra vincono in tutta Italia scardinando qualche roccaforte rossa come appunto Piacenza e Macerata. Se qualcuno dubitava della vittoria del governo dopo lo scrutini delle Europee questi dubbi scompaiono dinanzi a questi numeri!




permalink | inviato da luigi curci il 9/6/2009 alle 19:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


9 giugno 2009

Il primo Consiglio Provinciale della BAT

 

PRESIDENTE: FRANCESCO VENTOLA

Maggioranza:
PDL 10 seggi:
Fisfoioa - Andria 1
Troia - Andria 2
Campana - Andria 3
Fasanella - Andria 7
Spina - Bisceglie 4
Dipalma - Canosa 2
D'addato - S.Ferdinando
Di Marzio - Trani 1
Di Modugno - Trani 2
Corrado - Trani 3

LA PUGLIA PRIMA DI TUTTO 3 seggi:
Valente - Bisceglie 1
Russo - Bisceglie 3
Abascià - Bisceglie 4
Riserbato - Trani 2

LISTA VENTOLA 3 seggi:
Zinni - Andria 6
Antonucci - Barletta 1
Roccottelli - Minervino

ALLEANZA DI CENTRO 1 seggio:
Matarrese - Canosa 1

Minoranza:

Salerno - candidato presidente

LA BUONA POLITICA 2 seggi:
Dicorato - Barletta 4
Dipaola - Barletta 7

UDC 2 seggi:
Laurora - Trani 4
Di Feo - Trinitapoli

PARTITO SOCIALISTA 1 seggio:
Lodispoto - Margherita di Savoia

Marmo - candidato presidente

PD 4 seggi:
Lonigro - Andria 2
Superbo - Minervino
Patruno - San Ferdinando di Puglia
Scelzi - Spinazzola

RIFONDAZIONE COMUNISTA 1 seggio:
Evangelista - Bisceglie 2

Una piccola considerazione rivolta al 47% dei barlettani che hanno votato per Salerno. Oltre a non aver permesso l'elezioni di più Consiglieri di maggioranza, coi vostri voti avete eletto 3 consiglieri non barlettani. Siete ancora convinti che il voto a Salerno era a favore degli interessi di Barletta? Spero che questa volta abbiate davvero imparato la lezione!
Comunque sia il centro-destra ottiene un grande risultato nella BAT. A Barletta, dove la partita era più difficile che altrove, raddoppia il dato elettorale amministrativo. Dal poco più del 20% conseguito nel 2007 siamo balzati al 40%. Ora l'obiettivo è recuperare quel 10% che ci permetterà di vincere finalmente le comunali e far tornare la nostra Città a sorridere. Il PD è stato praticamente spazzato via dagli elettori. La sua candidata arriva addirittura terza e i voti di lista superano appena l'11%. Ci attendiamo sicuramente le dimissioni di Ruggiero Mennea, il coordinatore provinciale. Speriamo nelle dimissioni del Sindaco di Andria e soprattutto del Sindaco di Barletta. Il PD non può continuare ad amministra la nostra Città con un pietoso 8,14%.
Il PDL è il primo partito nella BAT con il 23,93%, a Barletta si attesta al 18,95%.
I dati di Barletta:

voti ai Presidenti 
49.351
100,00%
di cui ai soli Presidenti 
4.622
9,37%
Totale Voti ai Gruppi 
44.729
90,63%
1
Francesco Salerno
23.091
46,79%
di cui al solo Presidente
3.443
6,98%
1
I Giovani con Salerno
1.815
4,06%
2
Pensionati
106
0,24%
3
Partito Socialista - P.S.E.
2.679
5,99%
4
PSDI - Socialdemocrazia
815
1,82%
5
La Buona Politica - Salerno Presidente
10.423
23,30%
6
Io Sud - Adriana Poli Bortone
489
1,09%
7
UDC - Unione di Centro - Casini
2.425
5,42%
8
i Socialisti
636
1,42%
9
Movimento Disoccupati BAT-Movimento Italiano Disabili
260
0,58%
    voti ai Gruppi
19.648
39,81
2
Giuseppina Marmo
5.183
10,50%
di cui al solo Presidente
213
0,43%
10
Partito Democratico
3.642
8,14%
11
Federazione dei Verdi per la Pace
76
0,17%
12
Pina Marmo Presidente
533
1,19%
13
Rifondazione Comunisti Italiani
357
0,80%
14
Sinistra per la BAT
362
0,81%
    voti ai Gruppi
4.970
10,07
3
Michele Rizzi
245
0,50%
di cui al solo Presidente
28
0,06%
15
Partito di Alternativa Comunista
217
0,49%
    voti ai Gruppi
217
0,44
4
Francesco Ventola
20.029
40,58%
di cui al solo Presidente
848
1,72%
16
La Destra - Fiamma Tricolore
777
1,74%
17
Democrazia Cristiana
267
0,60%
18
Movimento per le Autonomie - Alfati per il Sud
434
0,97%
19
Il Popolo delle Libertà - Berlusconi per Ventola
8.476
18,95%
20
UDEUR - Popolari
46
0,10%
21
La Puglia prima di tutto
2.520
5,63%
22
Ventola Presidente
3.668
8,20%
23
My BAT - Giovani Protagonisti della Provincia
99
0,22%
24
Alleanza di Centro per la Libertà - Pionati
1.263
2,82%
25
Sud in Movimento - Puglia
32
0,07%
26
Popolari Liberali - PDL
1.599
3,57%
    voti ai Gruppi
19.181
38,87
5
Sebastiano de Feudis
803
1,63%
di cui al solo Presidente
90
0,18%
27
Di Pietro - Italia dei Valori
713
1,59%
    voti ai Gruppi

I dati provinciali:
Candidati presidente e gruppi Voti  %  Seggi
 
VENTOLA FRANCESCO eletto  102.593 51,68  
  IL POPOLO DELLA LIBERTA' IL POPOLO DELLA LIBERTA'   44.636 23,93 10
  LA PUGLIA PRIMA DI TUTTO LA PUGLIA PRIMA DI TUTTO   17.929 9,61 4
  LISTA LOCALE - VENTOLA PRESIDENTE LISTA LOCALE - VENTOLA PRESIDENTE   12.605 6,75 3
  ALLEANZA DI CENTRO PER LA LIBERTA' ALLEANZA DI CENTRO PER LA LIBERTA'   7.163 3,84 1
  MPA MOVIMENTO PER LE AUTONOMIE MPA MOVIMENTO PER LE AUTONOMIE   4.126 2,21 -
  POPOLARI LIBERALI POPOLARI LIBERALI   3.581 1,92 -
  LIBERTAS DEMOCRAZIA CRISTIANA LIBERTAS DEMOCRAZIA CRISTIANA   3.160 1,69 -
  LA DESTRA - FIAMMA TRICOLORE LA DESTRA - FIAMMA TRICOLORE   2.499 1,34 -
  LISTA LOCALE - MY BAT GIOVANI PROTAGONISTI DELLA PROVINCIA LISTA LOCALE - MY BAT GIOVANI PROTAGONISTI DELLA PROVINCIA   670 0,35 -
  U.D.EUR POPOLARI U.D.EUR POPOLARI   594 0,31 -
  SUD IN MOVIMENTO SUD IN MOVIMENTO   281 0,15 -
    Totale   97.244 52,14 18
 
SALERNO FRANCESCO   47.201 23,77  
  UNIONE DI CENTRO UNIONE DI CENTRO   13.886 7,44 2
  LISTA LOCALE - LA BUONA POLITICA - SALERNO PRESIDENTE LISTA LOCALE - LA BUONA POLITICA - SALERNO PRESIDENTE   12.761 6,84 2
  PARTITO SOCIALISTA PARTITO SOCIALISTA   6.765 3,62 1
  PSDI PSDI   2.736 1,46 -
  LISTA LOCALE - I GIOVANI CON SALERNO LISTA LOCALE - I GIOVANI CON SALERNO   2.522 1,35 -
  IO SUD IO SUD   1.287 0,69 -
  LISTA LOCALE - MOVIMENTO DISOCCUPATI MID - BAT LISTA LOCALE - MOVIMENTO DISOCCUPATI MID - BAT   1.138 0,61 -
  I SOCIALISTI I SOCIALISTI   901 0,48 -
  PART.PENS. PART.PENS.   879 0,47 -
    Totale   42.875 22,99 5
 
MARMO GIUSEPPINA DETTA PINA   42.167 21,24  
  PARTITO DEMOCRATICO PARTITO DEMOCRATICO   21.932 11,76 4
  RIFOND.COM. - SIN.EUROPEA - COM.ITALIANI RIFOND.COM. - SIN.EUROPEA - COM.ITALIANI   5.479 2,93 1
  LISTA LOCALE - PINA MARMO PRESIDENTE LISTA LOCALE - PINA MARMO PRESIDENTE   5.111 2,74 -
  SINISTRA - PER LA BAT SINISTRA - PER LA BAT   4.134 2,21 -
  FED.DEI VERDI FED.DEI VERDI   3.641 1,95 -
    Totale   40.297 21,60 5
 
DE FEUDIS SEBASTIANO   5.891 2,96  
  DI PIETRO ITALIA DEI VALORI DI PIETRO ITALIA DEI VALORI   5.466 2,93 -
 
RIZZI MICHELE   651 0,32  
  PARTITO DI ALTERNATIVA COMUNISTA PARTITO DI ALTERNATIVA COMUNISTA   606 0,32 -
 
Totale voti ai candidati presidente 198.503    
Totale ai gruppi 186.488   28


Un'ultima considerazione sul dato nazionale. Se qualcuno aveva ancora dei dubbi sulla vittoria del centro-destra dopo lo scrutinio delle Europee, questi dubbi sono stati spazzati dopo il voto amministrativo. Il centro-destra vince in tutta Italia, dal nord a sud. La sinistra vince in qualche feudo, e nemmeno in tutti. E' a mio avviso molto significativo il ballottaggio al Comune di Firenze!




permalink | inviato da luigi curci il 9/6/2009 alle 11:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa


8 giugno 2009

Vittoria, ma senza sfondare!

 In attesa del voto Amministrativo, cerco di analizzare il voto Europeo.
Alcuni dati.
Vince l'astensione in tutta Europa a dimostrazione che l'Europa un pò ovunque viene vista con disinteresse dai suoi cittadini.
Riferendomi ai grandi Paesi dell'UE, gli unici governi che reggono e che mantengono la maggioranza sono il governo italiano e il governo francese, entrambi di centro-destra. Perde la Merkel, perde Zapatero, crollano i Laburisti nel Regno Unito che addirittura diventano il terzo partito.
Il PPE si conferma primo partito in Europa, battutti quasi ovunque i Socialisti.
In Italia il Popolo della Libertà resta il primo partito, vince le elezioni ma non stravince come si poteva attendere. Comunque il dato è positivo. La coalizione di governo (Pdl + Lega + Mpa) conserva la maggioranza del Paese...praticamente se ieri avessimo votato per le Politiche, il centro-destra avrebbe rivinto. La Russa attribuisce la mancata crescita del PDL all'astensionismo del Sud. Io dico invece che La Russa dovrebbe farsi un esame di coscienza e capire quali sono i problemi del partito al nord che ha perso tantissimi consensi a scapito della Lega.
Crolla il PD che nella schizzofrenia che l'accompagna da quando è nato riesce a festeggiare per aver perso in un anno, stando all'opposizione, il 6%.
L'Udc migliora, raddoppia purtroppo i voti l'Italia dei Valori. Anche al Parlamento Europeo, come al Parlamento nazionale, i comunisti non ci sono e questa è una bella soddisfazione.
Tirando le somme:
Vince il centro-destra, non stravince il PDL!
Esce malandato il PD.
Soddisfazione nell'Udc.
Trionfano Lega e Italia dei Valori.
Una piccola nota conclusiva, penso che nel voto Europeo sia mancato un elemento importante che era presente lo scorso anno, e cioè il voto utile. Ragionando considerando "voto utile" PDL e PD avrebbero forse ottenuto più consensi, e questo spinge a votare al Referendum per il SI, per affermare quindi il bipartitismo.
Ora attendo con ansia lo spoglio delle Provinciali. Voglio RINGRAZIARE tutti coloro che hanno condiviso con me questa campagna elettorale




permalink | inviato da luigi curci il 8/6/2009 alle 9:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 giugno 2009

Vota il POPOLO DELLA LIBERTA' il 6 e 67 giugno

 Dopo quasi 20 anni di centro-sinistra a Barletta è giunto il momento di iniziare una svolta!
Votare il 6 e 7 giugno per Francesco Ventola e per il Popolo della Libertà significa dare un forte segnale politico, significa dare un importantissimo segnale di cambiamento che può dare la speranza di poter conseguire una vittoria anche alle elezioni comunali.
Fiore, Dimiccoli, Salerno, Maffei...da loro qualche piazzetta e qualche fontana. Nessuno di questi Sindaci del centro-sinistra è riuscito in tutti questi anni ininterrotti di amministrazione a risolvere i grandi e gravi problemi della nostra città. Mi riferisco all'elettrosmog causato dall'elettrodotto, ai passaggi a livello, al traffico, ai parcheggi, alle strade dissestate e potrei continuare.
Nessuno ha dato un nuovo piano regolatore alla nostra città. Nessuno ha consentito lo sviluppo delle nostre Litoranee.
Il nulla e la cattiva amministrazione si sono alternati! Perchè continuare  votare centro-sinistra a Barletta?
Inoltre caro amico di Barletta, attento a non farti ingannare dalla "barlettanità" di Salerno. Francesco Salerno è lo stesso che si è dimesso da Sindaco un anno prima della scadenza del suo mandato per ambire a fare il parlamentare, ABBANDONANDO la nostra città e permettendo l'assegnazione delle sedi dell'Italgas, dell'ASL e della Prefettura (poi fortunatamente venuta a Barletta) alla Città di Andria. Perchè votarlo? Perchè votare un candidato presidente che fuori Barletta conseguirà pochissimi voti e che non ha nessuna possibilità di vincere queste elezioni? Perchè votare un candidato che in caso di ballottaggio (che non avverrà) chiederà di votare la candidata andriese dopo aver impostato una campagna elettorale sul campanilismo barlettano?
Barlettano rifletti, il voto utile per Barletta è quello che elegge barlettani al Consiglio Provinciali e nella futura maggioranza di centro-destra. IL VOTO UTILE E' QUELLO AL PDL.
E poi Francesco Ventola ha dimostrato, nonostante la sua giovane età, di essere un eccellente Sindaco nella sua Città.

Per le elezioni europee invece, per dare maggiore fiducia al Governo Berlusconi, al governo del fare, vota PDL e scrivi BERLUSCONI. Un voto al nostro Presidente è un voto contro la sinistra del gossip e che essendo incapace di confrontarsi sulla politica ha inasprito ed avvelenato questa campagna elettorale con squallide questioni personali e soprattutto non reali.
Caro amico, ti chiede anche di dare la tua seconda preferenza ad Enzo Rivellini, uomo della Destra Sociale, Consigliere Regionale in Campania, attivissimo contro la mala sanità napoletana.
Infine, la terza preferenza non può che non ricadere su un candidato del nostro territorio. Si può scegliere tra il parlamentare europeo Salvatore Tatarella o il Consigliere Regionale Sergio Silvestris.

Inoltre vorrei dare un in bocca al lupo a tutti gli amici e camerati candidati in queste elezioni.
Mi rivolgo a Carlo Fidanza, candidato al Parlamento Europeo al Collegio Nord-Ovest, a Fabiano Bariani candidato al Consiglio Comunale a Novara, Massimiliano Bonu al Consiglio Provinciale di Parma, Filippo Melchiorre al Comune di Bari, Sebastiano Raciti al Comune di Monreale, Cesare Mevoli al Comune di Brindisi e spero davvero di non aver dimenticato nessuno.
Vota PDL, per l'Italia e per far tornare Barletta a sorridere!

Vi ricordo i 7 candidati di Barletta:
COLLEGIO 1 - Mariagrazia VITOBELLO
COLLEGIO 2 - Giuseppe RIZZI detto Pino
COLLEGIO 3 - Giuseppe LACERENZA detto Pino
COLLEGIO 4 - Michele NASCA
COLLEGIO 5 - Dario DAMIANI
COLLEGIO 6 - Ruggiero PASSERO
COLLEGIO 7 - Marcello LANOTTE

Candidato PRESIDENTE FRANCESCO VENTOLA

Alla scheda gialla per le Provinciali il voto disgiunto annulla la scheda. Occorre mettere solo una croce sul simbolo del Popolo della Libertà, in questo modo il voto andrà direttamente alla lista, al candidato del collegio collegato e a Francesco Ventola.





permalink | inviato da luigi curci il 5/6/2009 alle 11:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


28 maggio 2009

Comizio di Mantovano a Barletta


 

VENERDI' 29 MAGGIO ORE 18.30

PIAZZA CADUTI - BARLETTA

PUBBLICO COMIZIO
DEL POPOLO DELLA LIBERTA'


INTRODUCE
Oronzo Cilli

INTERVENGONO
Mariagrazia Vitobello, candidata PDL Collegio I
Pino Rizzi, candidato PDL Collegio II
Giuseppe Lacerenza, candidato PDL Collegio III
Michele Nasca, candidato PDL Collegio IV
Dario Damiani, candidato PDL Collegio V
Ruggiero Passero, candidato PDL Collegio VI
Marcello Lanotte, candidato PDL Collegio VII
Giovanni Alfarano, Consigliere comunale PDL
Nino Marmo, Consigliere regionale PDL

CONCLUDONO
FRANCESCO VENTOLA, Candidato alla Presidenza

ON. ALFREDO MANTOVANO, Sottosegretario di Stato per l'Interno




permalink | inviato da luigi curci il 28/5/2009 alle 0:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


28 maggio 2009

Franceschini = SPAZZATURA

Gli impegni privati e i ritmi della campagna elettorale difficilmente nell'ultimo periodo mi hanno concesso di trovare tempo necessario da dedicare al mio blog.
Ma la dichiarazione di Franceschini, per essere precisi: "fareste educare i vostri figli da Berlusconi?", ha veramente superato ogni limite di tollerabilità. Il disgusto mi ha portato a scrivere. Ma come si può scadere così tanto nel dibattito politico? Come si può entrare così tanto nel personale? Questi sono gli effetti di una sinistra sempre più incapace, che non riuscendo a discutere di politica, e non riuscendo a confrontarsi con la politica dei FATTI di questo Governo, ha come unico obiettivo quello di trasformare la politica in un gossip. La dichiarazione di Franceschini è purissimo letame. Si dovrebbe vergognare!




permalink | inviato da luigi curci il 28/5/2009 alle 0:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


19 maggio 2009

Grande successo ieri



La foto parla da sola. Grande partecipazione al comizio del Popolo della Libertà con il Ministro Raffaele Fitto. Nonostante la piazza fosse già gremita venerdì, ieri c'era molta più gente. La sensazione è che più si avvicina il 7 giugno e più aumenta l'entusiasmo tra la gente. Tutto questo dà sempre più forza e voglia di fare. Mancano pochi giorni. Avanti!




permalink | inviato da luigi curci il 19/5/2009 alle 18:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


17 maggio 2009

Comizio di Raffaele Fitto a Barletta



Questa è la foto della piazza gremitissima del comizio di venerdì scorso. L'ho scattata personalmente dal palco. Mai vista tanta gente ad un comizio di Piazza Aldo Moro in questa campagna elettorale. Mai vista tanta gente ad un comizio del centro-destra negli ultimi dieci anni a Barletta. Forse le cose stanno cambiando davvero, forse è arrivato il momento della svolta. Spero saremo così numerosi anche venerdì prossimo per il

COMIZIO DEL MINISTRO DEGLI AFFARI REGIONALI
RAFFAELE FITTO
LUNEDI' 18 MAGGIO, ORE 19, PIAZZA ALDO MORO




permalink | inviato da luigi curci il 17/5/2009 alle 12:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


12 maggio 2009

Comizio

 

 Venerdì 15 maggio, in piazza Aldo Moro, alle ore 19, comizio dei giovani a sostegno dei candidati del PDL. Interverranno i dirigenti giovanili del PDL, parteciperanno i candidati barlettani del PDL, il coordinatore regionale del PDL Sen. Francesco Amoruso, il Consigliere Regionale Nino Marmo, il candidato al Parlamento Europeo Sergio Silvestris e i Consiglieri Comunali Carlo Dibello e Giovanni Alfarano. Conclude il candidato Presidente Francesco VENTOLA

Su facebook: http://www.facebook.com/profile.php?id=782696718&ref=name#/event.php?eid=86254911335&ref=nf




permalink | inviato da luigi curci il 12/5/2009 alle 11:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


6 maggio 2009

Appuntamento per stasera!

 


Incontro questa sera alle ore 20 presso il comitato elettorale di PINO RIZZI, candidato al Consiglio Provinciale nel Collegio Barletta II.
Tema dell'incontro: L'AGRICOLTURA E IL PARCO DELL'OFANTO.
Interverranno:
Nino MARMO - Consigliere Regionale PDL
Sergio SILVESTRIS - Candidato PDL al Parlamento Europeo (Collegio Italia Meridionale)
Francesco VENTOLA - Candidato Presidente Provincia di Barletta-Andria-Trani




permalink | inviato da luigi curci il 6/5/2009 alle 11:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 maggio 2009

Sondaggio Sole 24 Ore-Ipsos: tra gli operai Pdl 43,4%, Pd 22,4%

da www.ilsole24ore.com 


A un mese dalle elezioni europee Pdl e Lega, insieme, hanno la maggioranza assoluta dei consensi degli italiani (rispettivamente il 40% e il 10,3%), mentre il Pd si ferma al 26,2%. Buoni risultati per il partito di Antonio Di Pietro (Idv) che raggiunge il 9%, mentre l'Udc fa registrare un 6%.

Sono le indicazioni di un sondaggio Ipsos sugli orientamenti di voto realizzato per il Sole 24 Ore, che sarà pubblicato domani sul quotidiano economico con un'analisi di Roberto D'Alimonte. Al di là del dato generale, significativa la lettura dei consensi per categorie professionali. Un dato su tutti: nella categoria operai-esecutivi: il Popolo della libertà «doppia» il Partito democratico con un 43,4% contro il 22,4%; con l'aggiunta della Lega, poi, in questo segmento della popolazione il centro-destra raggiunge il 58,2%.

Il Pdl guadagna rispetto allo scorso anno in tutte le categorie professionali, tranne che tra i disoccupati dove arretra dal 43 al 39,8. Ma il Pd, anche qui, non ne approfitta fermandosi al 19,3% contro il 28,4 dello scorso anno. Nella graduatoria per titoli di studio i Democratici riescono a sopravanzare il Pdl solo tra i laureati, con il 28,2% contro il 27,2. Buono in questo segmento anche il risultato di Di Pietro con il 15,1%. Tra chi ha un diploma liceale il Pdl torna avanti con il 36,1% contro il 24,9; e la differenza aumenta ancora di più tra chi ha solo la licenzia media o elementare (rispettivamente 43,4% e 23,6%nel primo caso e 43,9% a 30,6% nel secondo). Infine tra le donne il Pdl fa ancora meglio rispetto al dato totale toccando il 42,6% di consensi.




permalink | inviato da luigi curci il 4/5/2009 alle 10:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 aprile 2009

Il Pd ufficializza le candidature

Con il "puntuale" ritardo che lo contraddistingue in questa campagna elettorale, il PD ufficializza la sue candidature! Ora che inizia anche per loro la campagna elettorale spero inizi il confronto. Vorrei tanto sapere cosa ne pensano i candidati ed i dirigenti barlettani del Partito Democratico del manifesto dei  Verdi di Andria!? "La Provincia che unisce" recita lo slogan della candidata andriese del PD! Se questi sono i presupposti...

 v.jpg




permalink | inviato da luigi curci il 22/4/2009 alle 14:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


22 aprile 2009

Giovani del PD, votate PDL!

Ecco cosa riporta un'agenzia di ieri:

 PD: I GIOVANI DEL PARTITO "NON VOTIAMO QUESTE LISTE"

(IRIS) - ROMA, 21 APR - ''Non votiamo queste liste". Lo ha annunciato ilm segretario nazionale dei Giovani del Pd Fausto Raciti durante la direzione del partito di oggi. Il caso - ha riferito Raciti - si e' aperto quando i giovani democratici ''hanno scoperto che, nelle liste messe a punto dai vertici democratici, nessuno spazio era stato riservato per i candidati indicati dall'organizzazione giovanile''. ''Avevamo proposto una rosa di nomi espressione di diverse realta' territoriali - dice il segretario Fausto Raciti - per dare il nostro contributo alla campagna elettorale. Siamo molto delusi. Il 15 Marzo a Milano di fronte ai mille ragazzi della nostra assemblea nazionale Dario Franceschini - ha detto ancora Raciti - ci ha chiesto di impegnarci nel partito senza dividerci per correnti che prendano il nome di politici nazionali. Oggi abbiamo appreso che non c'e' posto nelle liste per le Europee per i giovani democratici perche' tutte le posizioni sono gia' occupate da franceschiniani, veltroniani, fioroniani, dalemiani, rutelliani, lettiani e bindiani provenienti dalle diverse regioni. Non sara' facile per chi si e' assunto la responsabilita' di questa scelta spiegarlo ai 140.000 ragazzi che ad Ottobre hanno votato alle nostre primarie''
.

Tra le tante promesse disattese dal Partito Democratico c'è anche quella di essere un partito giovane e di giovani. Il PDL affida incarichi di responsabilità, anche abbastanza importanti, ai giovani, pensando seriamente ad una classe dirigente del futuro. Il PD continua a rappresentare anche in questo quanto di più vecchio in logiche ed organizazzione partitica nell'attuale politica italiana. Rappresentanze giovanili saranno inserite nelle liste del PDL per le Elezioni Europee. Noi nel PDL siamo tutelati e rappresentati. Giovani del PD, meditate seriamente sul vostro voto...




permalink | inviato da luigi curci il 22/4/2009 alle 12:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 aprile 2009

Perchè il voto utile per Barletta è il voto per il PDL!

 E’ stato il tormentone della campagna elettorale per le Elezioni Politiche del 2008. Deve diventare anche il tormentone per la campagna elettorale di queste Elezioni Provinciali: IL VOTO UTILE!
Finalmente l’Italia “imita” l’Europa e avanza verso il bipartitismo che non lascia spazio a mini schieramenti che esistono più per ragioni (e interessi) individuali o particolari, che per il bene collettivo.
L’UDC a livello nazionale esiste per garantire, ancora per poco, l’esistenza parlamentare ad alcuni personaggi destinati a scomparire dal panorama politico nel medio termine.
La prevalenza degli interessi individuali per l’UDC emerge nelle strategie adottate a livello territoriale nelle elezioni amministrative. Nella BAT sono stati reclutati tutti i politici “senza fissa dimora” abituati a cambiare partito come se i partiti fossero camice, oppure da chi la storica dimora l’ha abbandonata solo e sempre per i soliti interessi individuali perché in quella dimora non si potava più essere il capo famiglia e fare ciò che si voleva.
Ed è così che il “compagno” Salerno, con tutta la sua storia di comunista prima e di diessino dopo, diventa il candidato ideale per un partito che antepone le logiche personali a quelle collettive (praticamente “chi si somiglia si piglia”).
Ricordiamo che Francesco Salerno è lo stesso che si dimette da Sindaco di Barletta un anno prima della scadenza naturale del mandato, non per il bene della Città che in quel momento aveva un fortissimo bisogno di un Sindaco ed una situazione politica stabile visto che all’epoca era apertissima la partita per la distribuzione tra i tre Capoluoghi della nuova Provincia degli uffici e delle sedi del nuovo Ente. Salerno si dimette, trascurando sciaguratamente quella situazione, per meri interessi personali perché inseguiva uno scranno in Senato che poi non ha più ottenuto dal suo vecchio partito, i Ds.
Per cui, oltre ad essere inutile votare l’UDC in una fase storica del nostro Paese in cui si procede verso il bipartitismo o comunque un forte bipolarismo, diventa un voto inutile anche un voto per Salerno perché per fare gli interessi di Barletta non serve solo essere barlettani, specie se da barlettani, incuranti di una situazione politicamente importante come l’attribuzione degli uffici e sedi della nuova Provincia, ci si dimette anzitempo dall’incarico di Sindaco, abbandonando di fatto la Città e i barlettani, abdicando alle responsabilità per cui si è stati eletti, e consegnando alla Città di Andria l’ASL, la sede dell’Italgas, e se non fosse stato per l’intervento del Governo Berlusconi, anche la Prefettura!
Se Salerno è sempre lo stesso dei soldi gettati per il Piano Ambaz e il Convegno Aislo, del banchetto squallido nella stanza della memoria dell’olocausto, degli Assessori cambiati un giorno sì e un giorno pure senza alcuna logica politica, delle dimissioni premature ed irresponsabili da Sindaco, e potremmo continuare all’infinito sulle sciagure firmate Salerno, allora il voto per Salerno non è solo inutile ma è anche dannoso per Barletta.
I barlettani devono sapere che un voto utile per Barletta è quello capace di eleggere quanti più Consiglieri Provinciali barlettani così come devono sapere che con il sistema elettorale previsto per le Provinciali più voti verranno consegnati a Salerno e meno barlettani verranno eletti nel Consiglio Provinciale che sarà chiamato a prendere decisioni importantissime, in termini di prestigio istituzionale, in termini di opportunità di occupazione e in termini di sviluppo per la nostra Città.
Perché dunque votare come Presidente un barlettano che non verrà mai eletto e non scegliere di votare i candidati dei grandi partiti dei due schieramenti principali per riuscire ad avere più barlettani possibili nel nuovo Consiglio Provinciale?
Ma per fare in modo che Barletta possa tornare a sorridere dopo quasi vent’anni di tristissima amministrazione di centro-sinistra, è necessario votare i 7 candidati del PDL. E’ necessario dare una svolta politica ed ideale a questa Città, la cui “tristezza” e degrado si manifesta già dalla condizione delle strade. Non si può continuare solo ad incentrare l’attività politica sul costruire palazzi e riempire di cemento ogni spazio disponibile. Non si può continuare a non dare prospettive nel settore del turismo e nell’ambito culturale. Non si può continuare a gestire allegramente la Bar.S.A.. I barlettani non meritano di ricevere solo qualche concerto, 1000 biciclette e qualche pista ciclabile. Barletta e i barlettani meritano politiche serie, nuove e di prospettiva, e per farlo occorre un cambiamento di uomini e di idee.
Ecco perché il voto Provinciale sarà importante ed utile per Barletta, perché rappresenta l’inizio di una nuova fase politica, l’inizio di un cambiamento e di rinascita che parte in questo momento e terminerà quando saremo chiamati ad eleggere un nuovo Sindaco chiudendo definitivamente la tristissima parentesi di Maffei.
Non possiamo continuare ad affidarci ad un Sindaco sostenuto da una maggioranza che per alcuni suoi interi settori sostiene un candidato e uno schieramento opposto a quello dell’attuale maggioranza. Basta a questi teatrini, basta anteporre gli interessi personali a quelli collettivi, basta con la fantapolitica dell’incoerenza e dei non valori. C’è bisogno di una classe dirigente seria e nuova che da oggi deve ricevere la fiducia dei barlettani. BARLETTA DEVE TORNARE A SORRIDERE, e può farlo solo con un voto davvero utile, quello per il PDL.




permalink | inviato da luigi curci il 22/4/2009 alle 10:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


19 aprile 2009

Sosteniamo Pino Rizzi al Collegio II

 

Lunedì 20 aprile alle ore 18:30 si inaugura il comitato elettorale di Giuseppe Rizzi (detto Pino). La sede del comitato è in piazza Aldo Moro (angolo via Pier Delle Vigne). Vi aspetto numerosi e vi invito a sostenre con forza questa candidatura.
Ne approfitto per fare una piccola riflessione. Mentre il Popolo della Libertà, a Barletta come nei restanti Comuni della Provincia, inizia a presentare i suoi candidati, dei candidati del PD non si vede nemmeno l'ombra. Se consideriamo inoltre che anche la scelta del candidato Presidente è stata fatta dalla coalizione di centro-destra con un larghissimo anticipo rispetto al centro-sinistra, per giunta spaccato (3 in candidati), allora siamo davvero dinanzi ad un ritmo ed un passo diverso che fanno auspicare un buon risultato finale di questa competizione elettorale. Il PD sembra vivere questa campagna elettorale con un fusorario di 3 settimane. Noi andiamo avanti spediti con le idee chiarissime.
BARLETTA DEVE TORNARE A SORRIDERE, E PUO' FARLO SOLO CON IL POPOLO DELLA LIBERTA'!!!




permalink | inviato da luigi curci il 19/4/2009 alle 9:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa


16 aprile 2009

A Barletta esistono ancora i Democratici di Sinistra

 

Mentre il centro-destra avanza compatto nella campagna elettorale per eleggere il primo Presidente della Provincia di Barletta-Andria-Trani, ed ovviamente si auspica la vittoria del PDL e di Francesco Ventola, il centro-sinistra si fraziona, divide e presenta diversi candidati.C'è il candidato dell'Italia dei Valori, c'è la candidata del PD, c'è il candidato dell'Udc, ce n'è qualcuno delle solite mirco liste comuniste, ne usciranno forse altri, ma udite udite, c'è anche il candidato dei DS. Si, DS è la sigla dei Democratici di Sinistra, il partito della "quercia". A candidarsi Presidente della Provincia è l'attuale Segretario Nazionale, colui che è succeduto niente poco di meno che a Piero Fassino! Ragazzi non è uno scherzo, è la pura verità. La foto allegata è la dimostrazione. Che dirvi...tutto questo può succedere solo a Barletta!!!




permalink | inviato da luigi curci il 16/4/2009 alle 14:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


15 aprile 2009

Questo giudice continuerà a svolgere la sua professione???

da www.lagazzettadelmezzogiorno.it 

Bari, scarcerati boss
per ritardo del gup
Liberati questa mattina i primi 21 imputati del potente clan mafioso barese degli Strisciuglio. Il processo di primo grado, celebrato con rito abbreviato, si è concluso il 16 gennaio 2008 con la condanna di quasi tutti i 160 imputati da parte del gup del Tribunale di Bari, Rosa Anna De Palo. La De Palo in questi 15 mesi non è riuscita a depositare le motivazioni della sentenza di primo grado, il cui dispositivo è composto da 62 pagine
di LUCA NATILE 

Le porte del carcere si riaprono, i vincoli degli arresti domiciliari cadono clamorosamente dopo quindici mesi dalla sentenza di primo grado, ed i primi 22 accoliti del clan Strisciuglio, coinvolti nella maxi inchiesta «Eclissi», riacquistano da subito la libertà. Per nove di questi c’è l’allarme rosso lanciato dalla Direzione distrettuale antimafia. Un’altra ventina di galoppini e alcuni pezzi da novanta del clan seguiranno a ruota. Tutta colpa di un clamoroso ritardo: a quindici mesi dalla sentenza emessa col rito abbreviato, il giudice non ha provveduto all’obbligo di depositare le motivazioni delle condanne. Una prospettiva insperata, un regalo del tempo che corre troppo in fretta e che ha esaurito i termini di custodia cautelare. Tirando le somme, entro il mese di maggio rischiando di essere «uccel di bosco» complessivamente una settantina tra affiliati, battezzati e proseliti del sodalizio criminoso. Una parte degli inquisiti comparsi alla sbarra ha già riassaporato il gusto della libertà nelle settimane trascorse. I «mammasantissima» però restano ancora al fresco, almeno per il momento. Il gruppo camorristico più forte, più agguerrito e meglio organizzato della città ritrova una parte dei suoi «picciotti». 

Non si tratta dell’epilogo di un lungo iter processuale celebrato con la formula del rito ordinario, ma di quello che ha tutta l’aria di essere un incidente di percorso. Un incidente che interrompe l’efficacia della sentenza di primo grado celebrata in abbrev iato. Il giudizio abbreviato è infatti un rito speciale caratterizzato dal fatto che con esso si evita il dibattimento e la decisione viene presa nell'udienza preliminare. Alla pena viene applicata la riduzione di un terzo. Ma occorre che le motivazioni vengano depositate entro un termine pere ntorio. Per il mancato deposito delle motivazione della sentenza di primo grado, questa mattina verranno così scarcerati i primi 22 imputati (13 sono in carcere gli altri ai domiciliari) del processo Eclissi che nel gennaio del 2006, al culmine di una maxi inchiesta condotta dai carabinieri del Nucleo investigativo del Reparto operativo provinciale dei carabinieri, mise in ginocchio il clan Strisciuglio, egemone a Bari e in diversi comuni della provincia. Nei confronti dei detenuti scadono come abbiamo già detto i termini di durata massima della custodia cautelare. Il processo, celebrato con rito abbreviato, si è concluso il 16 gennaio 2008 con la condanna di quasi tutti i 161 imputati da parte del giudice della udienza preliminare del tribunale di Bari, Rosa Anna De Palo. 

Proprio il giudice De Palo, che da qualche mese è presidente del Tribunale per i minorenni di Bari, in questi 15 mesi non è riuscita a depositare le motivazioni della sentenza, il cui dispositivo è composto da 62 pag ine. Come nella peggiore delle previsioni il mancato deposito delle motivazioni «fuori tempo massimo » rende di fatto impossibile la fissazione del processo di appello che avrebbe potuto bloccare la decorrenza del cosiddetto termine di fase di un anno e sei mesi previsto dalla legge tra i due gradi di giudizio, trascorso il quale la custodia in carcere diventa illegittima. Questi fatti hanno indotto la Direzione distrettuale antimafia ad allertare carabinieri e polizia. Tra coloro che saranno scarcerati, molti rispondono anche di associazione finalizzata al traffico di droga: Gianluca Cor allo, Luigi Schingaro, Vito Valentino, Raffaele Abbinante e Tommaso De Giglio, Na - tale Cucumazzo. Dovrebbero lasciare il carcere anche Francesco e Vincenzo Strisciuglio e Cataldo Bartoli. Per ora ritornano in libertà tutti gli imputati che hanno ricevuto pene detentive non superiori ai 10 anni di reclusione.




permalink | inviato da luigi curci il 15/4/2009 alle 14:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


14 aprile 2009

TRE APPUNTAMENTI SABATO 18 APRILE 2009 CON MANTOVANO E DE ANGELIS A TRANI E BARLETTA

Cari amici,
sabato 18 aprile vi aspettiamo a Trani e a Barletta per un "triplo" appuntamento promosso dalla federazione provinciale di Barletta-Andria-Trani e dai coordinamenti di Barletta e Trani deii Circoli Nuova Italia di Gianni Alemanno.

PER FRANCESCO VENTOLA PRESIDENTE


 
Sabato 18 aprile 2009

  • Ore 9.45
    TRANI

    Circolo Nuova Italia
    C.so Imbriani, 162
    "Un caffè con..."

    On. ALFREDO MANTOVANO
    Sottosegretario di Stato per l'Interno e componente Ufficio di Presidenza del Popolo della Libertà

    Partecipano
    Raimondo Lima, coordinatore Circoli Nuova Italia Trani
    Oronzo Cilli, coordinatore provinciale Circoli Nuova Italia
    Nino Marmo, consigliere regionale PdL
    Pinuccio tarntini, Sindaco di Trani




  • Ore 17
    BARLETTA

    Comitato elettorale del candidato del Pdl Giuseppe Rizzi
    P.zza Aldo Moro

    "Il Futuro delle Identità nel PdL e nella nuova Provincia"

    Partecipano
    Giuseppe Rizzi, Candidato del PdL nel collegio 2
    Luigi Curci, Commissario Azione Giovani Barletta
    Riccardo Memeo, Coordi. regionale Forza Italia Giovani
    Antonio Tisci, Consigliere regionale Basilicata del PdL
    Oronzo Cilli, coordintore provinciale Circoli Nuova Italia

    Interviene
    On. MARCELLO DE ANGELIS
    Deputato PdL, Direttore della Rivista AREA

 





  • Ore 18.30
    TRANI

    Biblioteca "G. Bovio"

    Pubblico Incontro
    "Trani Futurista, Omaggio all'Avanguardia"

    promosso dai Circoli Nuova Italia Trani

    Con il patrocinio
    Comune di Trani
    Comune di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali

    In collaborazione
    Rivista AREA

    I Circoli Nuova Italia Trani, nell'ambito della ricorrenza del Centenario del Futurismo, organizzano sabato 18 aprile alle ore 18.30, presso la Biblioteca Comunale "Giovanni Bovio", un pubblico incontro a più voci dal titolo "Trani Futurista, Omaggio all'Avanguardia" nel corso del quale verrà donata alla città di Trani una scultura celebrativa ad opera di un giovane artista tranese.

    L'incontro è organizzato in collaborazione con la rivista politico - culturale AREA, e gode del patrocinio dell'Assessorato alle Politiche Culturali della Città di Roma e
    della Città di Trani.

    Programma

    Introduce
    Raimondo Lima, Coordinatore dei Circoli Nuova Italia Trani

    Intervengono
    Francesco Porcelli, artista
    Oronzo Cilli, Coordinatore Circoli Nuova Italia BAT
    Nino Marmo, Consigliere regionale PDL
    Andrea Lovato, Assessore alla Cultura Città di Trani
    Pinuccio Tarantini, Sindaco di Trani

    Conclude
    On. Marcello De Angelis
    Deputato PdL e direttore della rivista politico-culturale AREA





  • permalink | inviato da luigi curci il 14/4/2009 alle 10:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


    12 aprile 2009

    Auguri

     

    Buona Pasqua di Resurrezione a tutti!




    permalink | inviato da luigi curci il 12/4/2009 alle 13:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


    10 aprile 2009

    Lutto Nazionale










    permalink | inviato da luigi curci il 10/4/2009 alle 11:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


    7 aprile 2009

    COMITATO

     
    COMUNICATO STAMPA

    Il Comitato “Emergenza terremotati “ formato dai giovani e dalle associazioni A.C.R, A.C.G., Agesci, Amnesty Intenational, Arci, Azione Giovani Barletta, Azione Studentesca Barletta, Circoli Nuova Italia Barletta, CGIL, Emergency, Giovani Democratici Bat, Giovani Sognatori, Libera, U.d.S, UGL Barletta, UGL Giovani Barletta, si è mobilitato in queste ore per organizzare una raccolta di vestiario, pannolini e latte in polvere per la popolazione abruzzese colpita dal tragico evento del terremoto.

    La raccolta avrà luogo a Barletta in Via Paolo Ricci 18/c e sarà aperto a chiunque voglia parteciparre con un gesto di solidarietà.

    Saremo aperti da martedì 7 a giovedì 9 Aprile dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle ore 16:00 alle ore 21:00 e venerdì 10 Aprile dalle ore 9:00 alle 12:00.

    L'iniziativa organizzata è completamente finalizzata alla solidarietà della cittadinanza ed è volta a tutti coloro che ne vorranno far parte.

    COMITATO “EMERGENZA TERREMOTATI”
    Via Paolo Ricci, 18c – 70051 BARLETTA




    permalink | inviato da luigi curci il 7/4/2009 alle 22:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


    6 aprile 2009

    Terremoto in Abruzzo: si organizzano squadre di soccorso

    da www.movadi.it

    Visto il tragico evento sismico avvenuto questa notte in provincia de l’Aquila, il nucleo di Protezione Civile del MO.D.A.V.I. Onlus si sta mobilitando per fornire un’immediata risposta, in termini di soccorso e aiuto, alle vittime di un dramma che non riguarda solo l’Abruzzo, bensì l’intera Comunità nazionale.

     

    Proprio per questo, è nostra intenzione sensibilizzare e coinvolgere tutte le persone che si ritengano in grado, nonché abbiano la volontà di apportare un aiuto immediato ai soccorritori in loco e alle popolazioni calamitate.

    La buona volontà è ben accetta, ma sono preferiti i volontari che abbiano già maturato una preparazione in materia di protezione civile e di primo soccorso.

    Tempi

    I volontari saranno suddivisi in modo tale da coprire turni di permanenza in loco di 72 ore, così da garantire una presenza continuativa sul posto.

    Dunque è indispensabile che i gruppi di volontari non si rechino nei luoghi colpiti dal terremoto simultaneamente, ma rispettando lo schema di turnazione prestabilito.

     

    Partenze da Roma

    La prima squadra partirà il 7 aprile alle ore 06.00, con appuntamento alla fermata “Santa Maria del Soccorso” della Linea B della Metropolitana.

     

    Partenza dal resto d’Italia

    Per i volontari che provengono dal resto d’Italia, si consiglia di raggiungere i luoghi colpiti con il proprio automezzo, per evitare ulteriori disagi organizzativi a chi già si trova sul luogo per prestare soccorsi.

     

    Prima della partenza, dunque, per una maggiore organizzazione ed un efficace coordinamento delle operazioni, sia i gruppi che i singoli volontari, indipendentemente dal loro punto di partenza, devono obbligatoriamente contattare i nostri responsabili, fornendo le seguenti informazioni:

     

    ·         numero volontari;

    ·         orario di arrivo previsto;

    ·         mezzi disponibili e turnazione (gruppi di 8-10 volontari per 72 ore);

    ·         competenze dei volontari (primo soccorso, psicologi, elettricisti, ecc.).

     

    Ogni singolo volontario deve obbligatoriamente compilare, prima della partenza, la scheda tecnica allegata alla presente circolare, inviandola all’indirizzo mail emergenzaabruzzo@modavi.it, indicando in oggetto: “Scheda tecnica_volontario_nome_cognome”.

     

     I recapiti da contattare per qualsiasi informazione sono i seguenti:

    ·         Sede operativa nazionale:

    MO.D.A.V.I. Onlus – Direzione nazionale

    Tel. : 06/84242188 – Fax. : 06/84081658

    E-mail: emergenzaabruzzo@modavi.it

    ·         Responsabile:

    Giovanni Corbo – cell. 327/0499296

         I volontari devono essere dotati di:

    ·         Divisa di protezione civile o tuta da lavoro;

    ·         Scarpe antinfortunistiche o anfibi;

    ·         Sacco a pelo;

    ·         Cibo in scatola o precotto;

    ·         1/2 litri d’acqua;

    ·         1 torcia (con batterie);

    ·         Vestiti invernali comodi.

     

    Gli oggetti che i volontari non devono assolutamente portare sono:

    ·         Scarpe da ginnastica;

    ·         Accappatoi;

    ·         Pantofole o infradito;

    ·         Biancheria in eccesso (sono sufficienti tre cambi).




    permalink | inviato da luigi curci il 6/4/2009 alle 14:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


    6 aprile 2009

    Una tragedia!

     

    In questi momenti si può solo pregare per le vittime e i loro parenti!

    Il comunicato del Centro Nazionale Terremoti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia:

     

    La Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha registrato un terremoto di Magnitudo 5.8 (Magnitudo Richter) (6.2 Mw=magnitudo momento) nella zona dell’Aquilano, il 6 Aprile 2009 alle 3:32 (ora italiana). Le coordinate epicentrali risultano: Lat. 42.33N e Long. 13.33E. La profondità dell’ipocentro è pari a 8.8 km. Il terremoto è caratterizzato da un meccanismo di tipo estensionale, con piani di faglia orientati NW-SE e direzione di estensione NE-SW (anti-appenninica).
    La scossa è stata seguita da decine di repliche,  la più forte delle quali è avvenuta alle 4:37 italiane con magnitudo pari a 4.6. Tutte queste scosse sono avvenute a profondità crostali (entro i 10-12 km), tipiche dei terremoti dell’Appennino. Questa circostanza determina un forte risentimento dello scuotimento in area epicentrale. Tutte le stazioni della Rete Sismica Nazionale dell’INGV hanno rilevato chiaramente le onde sismiche generate dalla scossa principale.
    Sul sito dell’INGV(alla voce Terremoti Recenti) vengono riportate tutte le informazioni sull’evento sismico e sul suo inquadramento nel contesto della sismicità precedente e della classificazione sismica del territorio.
    La zona è stata oggetto di una sismicità frequente con caratteristiche di sciame sismico a partire dal mese di gennaio 2009, con centinaia di scosse tutte di modesta entità, fino all’evento di magnitudo 4.0 avvenuto il 30 marzo scorso.
    Si sottolinea la circostanza secondo la quale, allo stato attuale delle conoscenze, non è possibile realizzare una previsione deterministica dei terremoti (previsione della localizzazione, dell’istante e della forza dell’evento). Ciò è vero anche in presenza di fenomeni quali sequenze o sciami sismici che nella maggior parte dei casi si verificano senza portare al verificarsi di un forte evento.  Una scossa quale quella che si è manifestata oggi viene normalmente seguita da numerose repliche, alcune delle quali probabilmente assai sensibili.La zona in oggetto è stata sede in passato di forti terremoti. In particolare, l’attività di questi giorni si colloca tra la terminazione meridionale della faglia che si è attivata nel terremoto del 1703 (Int. MCS del X grado MCS, pari a Magnitudo circa 6.7) e i limiti settentrionali della faglia associata nei cataloghi al terremoto del 1349 e di quella denominata “Ovindoli-Piani di Pezza”. Si ricorda che i comuni interessati ricadono tra la prima e la seconda categoria della classificazione sismica del territorio nazionale. Negli ultimi anni la zona non è stata interessata da forti terremoti. Subito dopo il manifestarsi dell’evento l’Istituto si è mobilitato inviando nell’area colpita le sue strutture di emergenza quali la rete mobile e altre squadre di rilevatori.

    Nota sulla magnitudo: la magnitudo usata di routine per stimare la grandezza di un terremoto è la cosiddetta Magnitudo Richter o Magnitudo Locale (Ml), che viene calcolata sull’ampiezza massima della registrazione sismica di un sismografo standard (a corto periodo). Viceversa la Magnitudo Momento (Mw) viene elaborata attraverso un trattamento numerico dell’inte

    La Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha registrato un terremoto di Magnitudo 5.8 (Magnitudo Richter) (6.2 Mw=magnitudo momento) nella zona dell’Aquilano, il 6 Aprile 2009 alle 3:32 (ora italiana). Le coordinate epicentrali risultano: Lat. 42.33N e Long. 13.33E. La profondità dell’ipocentro è pari a 8.8 km. Il terremoto è caratterizzato da un meccanismo di tipo estensionale, con piani di faglia orientati NW-SE e direzione di estensione NE-SW (anti-appenninica).
    La scossa è stata seguita da decine di repliche,  la più forte delle quali è avvenuta alle 4:37 italiane con magnitudo pari a 4.6. Tutte queste scosse sono avvenute a profondità crostali (entro i 10-12 km), tipiche dei terremoti dell’Appennino. Questa circostanza determina un forte risentimento dello scuotimento in area epicentrale. Tutte le stazioni della Rete Sismica Nazionale dell’INGV hanno rilevato chiaramente le onde sismiche generate dalla scossa principale.
    Sul sito dell’INGV(alla voce Terremoti Recenti) vengono riportate tutte le informazioni sull’evento sismico e sul suo inquadramento nel contesto della sismicità precedente e della classificazione sismica del territorio.
    La zona è stata oggetto di una sismicità frequente con caratteristiche di sciame sismico a partire dal mese di gennaio 2009, con centinaia di scosse tutte di modesta entità, fino all’evento di magnitudo 4.0 avvenuto il 30 marzo scorso.
    Si sottolinea la circostanza secondo la quale, allo stato attuale delle conoscenze, non è possibile realizzare una previsione deterministica dei terremoti (previsione della localizzazione, dell’istante e della forza dell’evento). Ciò è vero anche in presenza di fenomeni quali sequenze o sciami sismici che nella maggior parte dei casi si verificano senza portare al verificarsi di un forte evento.  Una scossa quale quella che si è manifestata oggi viene normalmente seguita da numerose repliche, alcune delle quali probabilmente assai sensibili.La zona in oggetto è stata sede in passato di forti terremoti. In particolare, l’attività di questi giorni si colloca tra la terminazione meridionale della faglia che si è attivata nel terremoto del 1703 (Int. MCS del X grado MCS, pari a Magnitudo circa 6.7) e i limiti settentrionali della faglia associata nei cataloghi al terremoto del 1349 e di quella denominata “Ovindoli-Piani di Pezza”. Si ricorda che i comuni interessati ricadono tra la prima e la seconda categoria della classificazione sismica del territorio nazionale. Negli ultimi anni la zona non è stata interessata da forti terremoti. Subito dopo il manifestarsi dell’evento l’Istituto si è mobilitato inviando nell’area colpita le sue strutture di emergenza quali la rete mobile e altre squadre di rilevatori.

    Nota sulla magnitudo: la magnitudo usata di routine per stimare la grandezza di un terremoto è la cosiddetta Magnitudo Richter o Magnitudo Locale (Ml), che viene calcolata sull’ampiezza massima della registrazione sismica di un sismografo standard (a corto periodo). Viceversa la Magnitudo Momento (Mw) viene elaborata attraverso un trattamento numerico dell’intero segnale sismico su tutte le frequenze evidenziate dalla registrazione. Per terremoti forti la Mw viene ritenuta una stima più accurata della severità dell’evento

    ro segnale sismico su tutte le frequenze evidenziate dalla registrazione. Per terremoti forti la Mw viene ritenuta una stima più accurata della severità dell’evento




    permalink | inviato da luigi curci il 6/4/2009 alle 11:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


    3 aprile 2009

    Il popolo della Libertà: la mia vita, il Partito degli italiani

     di Marcello Lanotte - Consigliere Comunale PDL


    Quando ho iniziato ad interessarmi di politica avevo 16 anni e frequentavo il Liceo Classico <<A.Casardi>>.
    Incominciò tutto un pò per gioco e un pò per non uniformarmi al pensiero dominante che in quel periodo spadroneggiava tra noi giovani.
    I motivi a fondamento di questo inspiegabile impegno politico, di questa marcata tensione ideale, vanno ricercati nella mia innata propensione a difendere ed a condividere un'esperienza con chi veniva aggredito ed isolato, ghettizzato negli anni '90 sarebbe una parola troppo grossa, solo perchè non voleva piegarsi al pensiero razzista ed arrogante di coloro che dicevano di avere il cuore a sinistra, non disprezzando, anzì vantandosi, di mantenere il portafogli a destra. Vale a dire: cattocomunisti, buonisti, benpensanti e radical chic…
    L'impegno diventava ogni giorno più gravoso, ma non assumeva mai i caratteri della costrizione perché mi assaliva una spensierata ed irrazionale passione per tutto ciò che si riconosceva nei valori di patria, famiglia, identità, rispetto, persona, legalità, trasparenza, meritocrazia, sussidiarietà, carità e comunità.
    E poi non potevo tollerare tutti quelli che ti guardavano ebetiti e ti dicevano:<<fratè siamo tutti uguali>>, ai quali puntualmente rispondevo: <<uguale a chi a te?Ma sarai pazzo….?!?!?!>>
    Fu così che decisi di rompere le scatole a tutti spiegando che c'era un'alternativa al pensiero massificato ed omologato dell'ipocrisia cattocomunista.
    In questo lungo ed entusiasmante percorso umano-politico ho incontrato persone importanti come Beppe Morciano,
    Marco Lamanna, Riccardo Memeo, Claudio Novembre, Michele Il Grande, Mauro Lonigro, il compianto Corrado Cardone, Peppone Pierro, Oronzo Cilli e tanti altri...
    E fu con loro che decidemmo di candidarci alla guida delle nostre scuole. Ci riuscimmo al secondo tentativo. Conquistammo il Liceo Classico di Barletta,io ed il mio fraterno amico
    Riccardo Memeo!!! Non ci credeva nessuno, ma noi realizzammo quell'ardua impresa imponendoci all'attenzione in tutta la Provincia di Bari...poi a ruota Liceo scientifico, con Marco Telera, Industriale e via via tutto il resto…
    Poi nel '99 morì Pinuccio Tatarella, colui che con lucida pazzia aveva immaginato una destra moderna, europea, cattolica e moderata alla quale sarebbe stato delegato il ruolo di costruire un'alternativa all'avanzata bolscevica verso il governo della Nazione.
    Pinuccio, chiamato anche Ministro dell'armonia, era una persona umile, sempre disponibile, semplice, ma con una cultura inimmaginabile se ci si fermava alle apparenze. Proprio quell'uomo dallo sguardo severo, ma pronto a regalare a tutti un sorriso o un’idea vulcanica-rivoluzionaria, aveva per primo teorizzato un contenitore, un laboratorio politico-culturale che andasse oltre il Polo, un partito nuovo, quel Partito degli italiani, che oggi identificheremmo senza difficoltà alcuna nel neonato PdL.
    A lui dobbiamo un sincero tributo uguale a quello che doverosamente va rivolto a Silvio Berlusconi.
    A Tatarella dobbiamo ispirarci perché a noi spetta la sfida del futuro della Nazione.
    Dobbiamo contrapporre la nostra cultura futurista ed allo stesso tempo conservatrice di valori e principi al nichilismo della sinistra travestita in PD, all'omologazione del 6 politico dobbiamo rispondere con l'orgoglio della meritocrazia, alla cultura dell'accoglienza dobbiamo reagire con la presunzione di governare l'integrazione, all'omologazione dobbiamo rispondere con l'orgoglio delle diversità, alla finta libertà con le nostre libertà, al loro miope ambientalismo con la modernità, al loro conservatorismo del potere per il potere con la voglia di mettersi continuamente in gioco, al loro pietismo con la carità cristiana, al loro odio con l'amore per
    la nostra Terra.
    Quest
    o è il nostro ruolo, questa è la missione e la memoria di chi con audacia, perseveranza e pazzia ha imposto all'Italia intera, nella propria città, nella propria scuola un’idea nuova, alternativa, innovativa come il concetto del Partito degli italiani ed oggi del Popolo della libertà.
    La strada è ancora tortuosa e gravata da insidie nascoste, come la brama del potere che può assalire chiunque, il rilassamento rispetto ad un’opposizione assente, ma la sfida è eccitante.
    Questa è la nostra missione, il nostro ruolo, la nostra rivoluzione, la nostra dimostrazione di amore all'Italia, alle nostre donne, ai nostri uomini, alle nostre famiglie.
    W il Popolo delle Libertà,W l'Italia. Il domani appartiene a noi!!!!








    permalink | inviato da luigi curci il 3/4/2009 alle 11:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa


    31 marzo 2009

    Il sito ufficiale di FRANCESCO VENTOLA


    WWW.VENTOLAPRESIDENTE.IT



     

    Ci siamo, si riparte per una nuova sfida.
    Sarà entusiasmante, ne sono certo. Anzi, già lo è.
    Quando sono in tanti a credere in te, quando la gente ti esprime fiducia e ti riconosce credibilità e capacità, quando gli addetti ai lavori ritengono che tu sia la persona giusta per energia, passione ed esperienza, nonostante la giovane età, non puoi che esserne lusingato e continuare a lavorare per meritare tanto credito e non deludere nessuno.
    Il nostro Territorio è particolare, omogeneo per certi aspetti ed articolato per altri. Così è anche la nostra gente: accomunata da tante cose ma ricca di caratteristiche uniche ed esemplari.
    Ed è questo il bello! Su un diamante grezzo ci puoi lavorare, ed è esaltante per il risultato da raggiungere: plasmare una identità comune, tutelando un Territorio spesso scarsamente considerato dalle politiche di certe istituzioni.
    Nel mio modo di vivere la politica ho proiettato tutta la mia indole di giocatore di calcio, di centrocampista-mediano: mettersi completamente a disposizione, sacrificarsi al massimo, fare squadra e lavorare per un obiettivo condiviso mettendoci l'anima in un confronto leale e rispettoso di tutti - compreso chi di volta in volta ti sta di fronte come avversario politico -.
    I circa dieci anni di esperienza lavorativa in banca hanno contribuito a radicare in me la funzione di servizio, proporre soluzioni idonee ai singoli problemi, esortare all'intraprendenza e al risparmio per garantirsi un futuro migliore: avere fiducia per dare fiducia.
    Se fin qui mi riconoscono importanti traguardi, che mi hanno portato ad essere riconfermato Sindaco della Città di Canosa con ben oltre il 70% di consensi al primo turno, vuol dire che la gente apprezza il mio modo di essere pubblico amministratore.
    Oggi la nostra società è diversa, la gente vuole e deve essere ascoltata senza essere presa in giro con false illusioni.
    La nuova politica richiede operosità, dinamismo e coraggio. I giovani, gli anziani, le donne, le imprese, il volontariato vogliono andare oltre i facili discorsi e la retorica spicciola. Mentre la società soffre per i tanti problemi, dobbiamo creare prospettive e lavorare per realizzarle senza risparmiarci.
    Nello sport l'importante è partecipare, se poi si vince, vincono le proprie speranze, il proprio sacrificio. In politica, se si vince, vincono i nostri sogni, le idee condivise, i progetti. Per questo la politica mi appassiona.
    Ci sono abbastanza ragioni per lavorare insieme? Se sì, diamoci da fare.
    Poi, chiunque vinca, avremo tutti l'onore e l'onere di essere partecipi di questa storica fase costituente.
    Io, come ho imparato a fare, metto in gioco tutto me stesso. Vi aspetto!





    permalink | inviato da luigi curci il 31/3/2009 alle 11:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

    sfoglia     luglio       

     

    Francesco Ventola Presidente - L'uomo della provincia

       FRANCESCO VENTOLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA BARLETTA - ANDRIA - TRANI

      


    Profilo Facebook di Luigi Curci 

    MI PRESENTO::
    Sono Luigi,ho 27 anni,sono barlettano,
    laureando in giurisprudenza presso l'Università degli studi di
    Bari.Dopo aver fatto politica
    a livello studentesco,ho
    aderito ad AZIONE GIOVANI nel settembre 2000
    divenendone immediatamente un attivo militante;dopo
     poco mi sono iscritto ad ALLEANZA NAZIONALE.Nel
    maggio 2002 mi sono candidato alle elezioni per il
    rinnovo del Consiglio di Circoscrizione (Circ.
    Borgovilla-Patalini) venendo eletto con 163 preferenze
    (primo della lista) e ricevendo dalla Segreteria di Partito
    la nomina di capogruppo(mandato decaduto nel maggio 2006).
    Dal novembre 2005 sono dirigente provinciale di Azione
    Giovani con incarico al Dipartimento Cultura.Dal gennaio
    2006 Presidente cittadino di AREA.
    Dal dicembre 2006 Vicepresidente del Circolo Territoriale
    di AN Barletta "X medaglie d'oro".
    Dal settembre 2007 Commissario del Circolo Territoriale
    di AG Barletta "Corrado Cardone".


       
       
    Posta elettronica e contatto MSN:
    luigicurci@fastwebnet.it


    PROSSIMI APPUNTAMENTI:



     








     






    Campagna anti troll


      





    5 per mille

    http://www.fondazionenuovaitalia.org/lafondazione/5x1000.php



     Una veduta di Via dei Fori Imperiali invasa dai manifestanti - Foto di Enrico Para



    Azione Giovani per Barletta:filmato di denuncia sul degrado della nostra città
                    


         

     

     

     

                    foto:
    (manifestazione a Roma del 2 dicembre 2006)

     

         




    con Alemanno dopo l'inaugurazione della campagna elettorale a Barletta per le Politiche 2008



    con Mantovano dopo un convegno a Barletta 








       
         

    SU BOLOGNA VOGLIAMO
    LA VERITA'.CIAVARDINI INNOCENTE!
    http://altaforte33.altervista.org/


     


    Fare Verde


                      

           
               FONDAZIONE NUOVA ITALIA


    tit1


     



     (momenti di politica e militanza della Destra Sociale Barlettana)

     

                

     

     





    (manifestazione a Roma del 13 ottobre 2007):





    (manifestazione a Bari del 19 gennaio 2008)





     



     




     



                                                                 
        
    Googleilcannocchiale                                                                   

    La rivista della Destra Sociale:

    abbonamenti